< BACK Galleria Erotica

Corpi femminili e maschili

Sala 3

IL CORPO FEMMINILE E IL CORPO MASCHILE
NELLA CERAMICA DELL’ANTICO PERÙ

Il modo di concepire il nostro corpo è fortemente influenzato dalla nostra cultura e dalla nostra morale. Alcuni dogmi stabiliscono che il corpo e la sua nudità debbano essere occultati, e inoltre si considera che la “carne” del corpo si contrapponga allo spirito, al divino. Attraverso la presentazione di un’arte che non dissimula la nudità, cerchiamo di allontanarci da alcune concezioni profondamente radicate nel nostro pensiero, per avvicinarci a una visione diversa del corpo umano rappresentata nelle creazioni dell’antico Perù.

• Circa 4000 anni fa, l’argilla divenne il mezzo che permise agli antichi peruviani di modellare il proprio mondo. Il corpo umano prese forma in bottiglie o ciotole che in realtà sono molto più di questo: si tratta di vere e proprie sculture cave nelle quali l’aria, l’acqua e altri liquidi scorrono, circolano, entrano ed escono, attivando e animando simbolicamente questi oggetti.
• Nell’arte dell’antico Perù troviamo vasi scultorei in ceramica che rappresentano corpi femminili e corpi maschili nudi in posizioni esplicite, che mostrano esplicitamente o in maniera sproporzionata gli organi sessuali; inoltre troviamo rappresentazioni degli organi genitali maschili e femminili modellati dettagliatamente con forme di diverse tipologie di contenitori, che denotano una conoscenza approfondita dell’anatomia umana.
• I vasi di ceramica che vediamo in queste sale vennero utilizzati durante cerimonie agricole, nella preparazione di cibo e bevande per le feste, nelle cerimonie funebri e nei rituali di sacrificio. Il loro destino finale era quello di venire utilizzati nei funerali, insieme ad altri vasi e offerte. Questi oggetti erano considerati un mezzo per trasmettere messaggi per la vita e per la vita dopo la morte, nel mondo sotterraneo.
• Le persone interagirono con questi oggetti, li utilizzarono e probabilmente bevvero dagli stessi durante le animate festività e cerimonie. Queste azioni probabilmente stimolarono diverse reazioni erotiche, provocando eccitazione e desiderio e generando situazioni collettive nelle quali anche il gioco e l’umore erano presenti.

Dualità
Sala 3, Vetrina 07

Connessioni femminili
Sala 3, Vetrina 08

Corpo femminile Nasca
Sala 3, Vetrina 09

Donna che riceve
Sala 3, Vetrina 10

Corpo femminile Salinar
Sala 3, Vetrina 11

Genitali maschili
Sala 3, Vetrina 13

Corpo maschile
Sala 3, Vetrina 14

Peni antropomorfi
Sala 3, Vetrina 15

Unioni Vicús
Sala 3, Vetrina 16

Unioni Virú
Sala 3, Vetrina 17